Stile di gestione

Il processo di gestione delle risorse finanziarie, fondamentale attività condotta dal Fondo, si articola attraverso le seguenti fasi :

  • Individuare le linee d’indirizzo della politica d’investimento: si tratta della fase attraverso cui il CdA del Fondo individua la cosiddetta Asset Allocation Strategica ossia la ripartizione delle risorse finanziarie tra le diverse asset class (azioni, obbligazioni).
  • Selezionare i soggetti specializzati cui affidare le risorse del Fondo attraverso apposito bando pubblico.
  • Controllare l’attività dei gestori finanziari nonché verificare i limiti d’investimento anche con l’ausilio di un advisor esterno.
  • Verificare periodicamente l’Asset Allocation Strategica ed eventualmente ridefinire la stessa qualora segnali particolari dei mercati finanziari lo impongano.

Alla luce delle argomentazioni sopra riportate lo stile di gestione è ispirato a rigorosi criteri di prudenza ed affidabilità delle risorse gestite.

Il Multicomparto

A partire dal 1° luglio 2007 Concreto opera secondo uno schema multicomparto.

Ciascun aderente al Fondo può scegliere dunque scegliere uno dei seguenti comparti di investimento: Comparto bilanciato (75% obbligazioni, 25% azioni) o Comparto garantito (95% obbligazioni, 5% azioni).

È importante sottolineare che la scelta del comparto venga effettuata con estrema attenzione tenendo conto sia della attuale situazione personale sia delle aspettative future.

Gli elementi da considerare sono dunque diversi, età anagrafica, capacità di risparmio, propensione al rischio. In via del tutto esemplificativa, fermo restando la libera scelta da parte degli aderenti, in termini generali, si può sostenere che :

  • Il comparto bilanciato è adatto a coloro che hanno aspettative di permanenza nel Fondo di medio-lungo termine ed una propensione al rischio media.
  • Il comparto garantito è adatto a coloro che hanno aspettativa di permanenza al Fondo di breve periodo, trovandosi ad esempio dinanzi ad un imminente pensionamento, ed una bassa propensione al rischio.
TORNA SU